Arturo Giovannitti

Arturo Giovannitti

Arturo Giovannitti

Arturo  Giovannitti nacque a Ripabottoni (pr. Campobasso) il 7 Gennaio 1884 da Domenico Maria Giovannitti (Farmacista) e da  Adelaide Luisa Giovanna Evelina Levante.

Iniziò gli studi nella sua terra natale. Impegnato giovanissimo nei movimenti sociali di inizio novecento fu inviato dalla famiglia in America per allontanarlo dal suo attivismo politico. In America studiò dapprima a Montreal presso un seminario protestante (associato alla Università McGill) poi per breve tempo presso la Columbia University di New York. Lavorò per qualche tempo nelle miniere di carbone della Pennsylvania. Subito attivo nelle lotte operaie d’oltreoceano aderì nel 1908 alla Federazione Socialista Italiana del Nord America e successivamente al sindacato rivoluzionario Industrial Workers of World (IWW). Fu editore del settimanale radicale in lingua italiana Il Proletario e fu tra i più grandi oratori del movimento operario. Nel 1912 fu coinvolto con Joseph Ettor in un caso giudiziario che lo rese noto in tutto il mondo e che anticipò il più famoso caso giudiziario di Sacco e Vanzetti.

Durante il grande sciopero di Lawrence nel Massachusetts del 1912 fu uccisa la sedicenne Anna LoPizzo, una operaia tessile durante gli scontri con le forze dell’ordine. Di tale assassinio vennero ritenuti responsabili Arturo Giovannitti e Giuseppe (Joseph) Ettor (tra gli organizzatori per l’IWW dello sciopero) e l’operaio Joseph Caruso quale esecutore materiale dell’assassinio. I tre vennero incarcerati. Il loro caso suscitò un enorme clamore nell’opinione pubblica americana e mondiale. Per affermare la loro innocenza si fondarono movimenti e associazioni in tutto il mondo. L’IWW con una sottoscrizione pagò le spese processuali. I lavoratori tessili di Lawrence proclamarono uno sciopero generale per il loro rilascio. Giovannitti venne processato con Ettor e Caruso a Salem (Massachusetts) ma poi furono scagionati nel novembre 1912.

Giovannitti Caruso Ettor

Joseph Caruso, Joseph J. Ettor e Arturo Giovannitti

 Giovannitti fu instancabile nel suo attivismo. Fondò e scrisse su vari giornali in lingua italiana e inglese. Nel 1923 fu il primo segretario generale della Anti-Fascist Association of North America. Nel 1925 insieme a Ettor si adoperò per la causa di Sacco e Vanzetti.

In carcere Giovannitti scrisse il poema “The Walker”, che lo fece conoscere ad un ampio pubblico. Tra i suoi scritti sono da ricordare la raccolta di poesie “Parole e sangue” (1938) e “Quando canta il gallo” (1957). Sono stati pubblicati postumi “The Collected Poems” (1962), in lingua inglese.

Nei confronti di Michele Pane, Giovannitti dimostrò stima e apprezzamento, come dimostra la lettera che gli scrisse a proposito dell’opera Caprera (così si sarebbe dovuta chiamare Garibaldina) di cui aveva avuto una parte in anteprima e che sarà inclusa nell’opera stessa:

Lettera di Giovannitti a Michele Pane

Lettera di Giovannitti a Michele Pane pubblicata in Garibaldina nel 1949

Alla morte di Michele Pane Giovannitti scrisse alla vedova Concettina una lettera dal seguente tenore:

ESIMIA Signora. La triste nuova della morte del suo illustre Consorte mi è giunta con lungo ritardo e mi ha colpito nel più vivo del cuore.
Era un gran poeta, un uomo di gran cuore ed un perfetto gentiluomo e la sua memoria resterà duratura nellʼaffetto e nella venerazione dei Suoi innumeri ammiratori fra i quali ho lʼonore e lʼorgoglio di iscrivermi anchʼio. Possano queste povere e umili parole lenire il suo dolore e quello dei suoi figlioli e congiunti.
Le bacio ambo le mani, commosso e riverente.
Arturo Giovannitti
Georgetown

Giovannitti morì a New York il 31 Dicembre 1959.

Il suo paese natale di Ripabottoni ricorda la figura di Giovannitti con un premio letterario che si svolge annualmente.

Questo è il link al sito della Fondazione virtuale Giovannitti in cui si può trovare qualche documento interessante sul personaggio.

La fotografia seguente mostra Arturo Giovannitti, evidenziato nel cerchio e con il suo inseparabile foulard rosso fiammante, mentre partecipa ad un picnic nel South Side di Chicago organizzato per la raccolta di iscritti al movimento socialista americano. Giovannitti partecipava sempre a queste manifestazioni ove era accolto con entusiasmo perchè era, oltre che un grande scrittore, soprattutto un ineguagliabile oratore.

Giovannitti nel 1911 picnic a Chicago

Giovannitti nel 1911 in un picnic a Chicago

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prima di inviare, compila correttamente il campo Capcha *