Viole e ortiche

Viole e ortiche

Viole e ortiche fu pubblicato nel 1906 presso lo Stabilimento Tipografico Elettrico R. Calvosa & Co., ubicato al n. 24 di Oliver Street a New York, di proprietà di Rocco Calvosa ed Edward Dramis.

Viole e ortiche, 1906

Viole e ortiche, 1906

Viole e ortiche è la prima raccolta che Michele Pane pubblica con l’intento di farsi conoscere dal grande pubblico, la sua prima opera di poeta che potrebbe avere un riscontro commerciale. Infatti le uniche due opere precedenti erano state L’uominu russu, pubblicato con lo pseudonimo di Esperio Calabro e che non era destinato alla vendita ma soltando a prendere in giro Leopoldo Perri (come raccontato nel libro Michele Pane. La vita), e Trilogia che, pur essendo destinato alla vendita (prezzo £ 0,50), era stato stampato in un numero limitatissimo di copie e poi conteneva solo tre poesie, tra le sue più belle certamente, ma troppo poche per farne un’opera commercialmente plausibile. Con Viole e ortiche Michele Pane per la prima volta aggiunge il cognome Fiorentino della madre a Pane.

Viole e ortiche raccoglie i testi de L’uominu russu che fino ad allora era noto solo a coloro ai quali era stato fatto pervenire anonimamente per posta o che ne erano entrati in possesso per vie riservate, e Trilogia, con l’aggiunta di tante altre poesie forse non tutte inedite, poichè qualcuna era stata già pubblicata su periodici americani. L’opera si articola in una prima parte chiamata Viole — che si caratterizza per i temi delicati e alti che tocca: la famiglia, l’amore, i miti e le leggende, gli eroi — e in una seconda parte, Ortiche, più breve della precedente e dedicata alle invettive contro i prepotenti e gli arroganti, i nemici del bene che pensano di dominare il mondo ma che non si accorgono di avere ormai perduto, sopraffatti dalla giustizia che prima o poi li annienterà. Dal punto di vista stilistico, l’opera risente senz’altro della circostanza di non essere formata da poesie nate per un unico progetto compositivo ma, piuttosto, di essere l’unione di lavori che il poeta aveva già pubblicato e di altri che erano stati composti nel frattempo. L’insieme tuttavia appare in una luce nuova per il titolo e l’articolazione che suggeriscono le chiavi di lettura da seguire per decodificarne i contenuti.

Viole e ortiche, pag. 5 con autografo di Libertà

Viole e ortiche, pag. 5 con autografo di Libertà

Dall’esame di questa pagina emerge il problema di quale sia esattamente il titolo del volume, poichè nella pagina interna è presente quella “d” diversamente da quanto è scritto nella copertina. Qui non si tratta di stabilire quale sia il modo esatto di scrivere — che tutti sanno essere quello senza la “d” — piuttosto quale fosse l’intenzione dell’autore. Io assumo che abbia maggior valore quello indicato nella copertina, quindi solo con la “e”, mentre rimane aperta la questione se la “o” di ortiche debba intendersi maiuscola o minuscola. L’uso dei caratteri tutti maiuscoli nella copertina e nelle pagine interne non aiuta a dirimere la questione, ma io propendo per il carattere minuscolo, così come anche ho fatto per L’uominu russu.

Appena aperto il volume ci si imbatte in una pagina fuori numerazione che ospita una fotografia di Michele Pane — quella bellissima fotografia che ho usato per la copertina della biografia, ridimensionata e racchiusa in un ovale. Sotto la fotografia c’è l’autografo del poeta. Fotografia e calligrafia: le due passioni di Michele Pane che lo seguiranno fino alla fine. Il poeta infatti ebbe un vero culto per le fotografie: le sue che inviava continuamente a parenti e amici, e quelle che riceveva e conservava gelosamente. La calligrafia poi fu una sua mania. Tutte le sue lettere sono scritte con caratteri personali e perfettamente uniformi, una vera impronta digitale dei suoi caratteri. Per quanto riguarda la firma, Michele Pane si era fatto realizzare un chichè in metallo che la riproduceva. Io ho avuto la possibilità di esaminare uno di questi clichè che riproduco nell’immagine qui di seguito (l’immagine è capovolta per renderla leggibile) ma che non è quello usato in Viole e ortiche:

Clichè con la firma di Michele Pane

Clichè con la firma di Michele Pane

A pagina 3 troviamo l’ultima strofa di Alla rima di Giosuè Carducci, poesia datata «Bologna, 22 gennaio 1877» che apre le Rime nuove. I versi sono un chiaro riferimento alla duplice destinazione di Viole e ortiche:

Cura e onor de’ padri miei,
Tu mi sei
Come lor sacra e diletta.
Ave, o rima: e dammi un fiore
Per l’amore,
E per l’odio una saetta.

Inizia quindi Viole Parte I  con un’invocazione alle viole (senza titolo), in lingua italiana come tutte le altre poesie che compongono questo primo gruppo:

   O viole brune, delicate, aulenti
nate la notte al sospitar dei cieli
quando le fate, avvolte in bianchi veli,
van per le selve al mormorio dei venti

   umili viole, che con infinita
cura io raccolsi e con la fede intera,
quando lieta splendea la primavera
nel mattino perlato di mia vita,

   oggi vi affido al vento. O viole andate
a posar sovra i miseri abituri,
e ai bimbi de la plebe nascituri
il mio saluto e il vostro olezzo date.

   Oggi vi affido al vento. O delicate
figlie di questo cor che vi ha nutrite,
di cui sapete l’intime ferite,
a la mia donna il vostro olezzo date.

   Oggi vi affido al vento. O immacolate
viole, speranze mie, picciol tesoro;
dove fervon la lotta ed il lavoro
il mio saluto, o viole, ivi recate.

   Oggi vi affido al vento. O viole, andate
a posar su le fosse ai cimiteri;
il mio pianto ed i miei dolci pensieri
viole di questo cor, laggiù lasciate.

 Seguono le poesie:

  • A mia madre
  • Nostalgia (Al prof. Carlo Angelini)
  • A te
  • L’alba e la sera (A Nino Fiorentino)
  • Leggenda silana (A Francesco Fiorentino)
  • Serenata triste (All’On. Gaspare Colosimo)
  • Brindisi (Ad Antonio Cimino)
  • In morte di mio zio Pasquale Fiorentino
  • Rosina (A Luigi Cirò)
  • L’olmo (A Gigi Costanzo)
  • A te
  • Il saluto di Tell
  • La risposta (Al Dottor Peppino Perri)
  • Controra (A Francesco Lombardi)
  • “Post mortem” (A Guido Cantalamessa-Carboni)
  • In morte di Adelina Adamo
  • Appassionatamente
  • Il vento de la Sila (A Leopoldo De Fazio)
  • Rivintinesca (A Rosarino Costanzo, fraternamente)
  • Il borgo (Alla cara memoria del Cav. Dottor Paolo Adamo Patriota-Medico-Letterato)

A conclusione di questo gruppo di poesie troviamo i seguenti versi a pagina 40:

VIVENTE FIORE;
A te, dolcezza di mia vita amara,
offro singhiozzi del dolente core.

Sempre restando nella parte I, troviamo l’inizio di una sezione intitolata TRILOGIA. Dialetto calabrese che tanta confusione ha ingenerato nei compilatori di raccolte degli anni recenti. Costoro, non avendo consultato l’originale Trilogia del 1901, hanno ritenuto di attribuire tutte le poesie appartenenti a questa sezione di Viole e ortiche all’opera con quel titolo. E invece Michele Pane, in questa sezione che ripropone lo stesso titolo usato cinque anni prima, inserisce molte altre composizioni accomunate dal tema sentimentale e dall’essere scritte in dialetto decollaturese. Ecco l’elenco:

  •  Pro domo sua
  • ‘A tabacchera
  • ‘A catarra
  • ‘U dobotte
  • Nàscita
  • S. Giuseppe
  • Cumu se prega
  • ‘U chiariellu
  • Pullulijandu
  • I pezzivecchiari
  • I tùmbari
  • ‘U Vullu
  • ‘A Fòcara
  • ‘A zampugna
  • ‘A zumbettana
  • ‘A campana
  • ‘A Funtana
  • ‘U focularu
  • ‘U campusantu
  • ‘A serenata

La grafia che ho seguito nei titoli è fedele a quella usata dall’autore nell’indice: non è dato sapere perchè Vullu, Fòcara e Funtana abbiano avuto l’iniziale maiuscola e le altre parole no!

A questo punto inizia la Parte II, quella intitolata Ortiche, introdotta da versi come per Viole:

   O mie tènere amiche,
nate negli orti incolti
e tra i cespugli folti,
mie verdi, care ortiche,

   Voi che siete pungenti
e non avete olezzo,
portate il mio disprezzo
a tutti i prepotenti!

   A sangue fustigate
ogni maschera sporca,
e gli eroi de la forca
frustateli, frustate!

   Frustate i patriottardi,
i cavalieri imbelli,
e su le loro pelli
pungete come dardi;

   Chè fino a quando il sole
del ver non splenda in aria,
Ortiche ed Orticaria
corrò, non più viole.

Seguono le due poesie Ad un cardello e Gli sciacalli (A Guglielmo Adamo) e poi c’è L’ùominu russu. Sulle varianti presenti in questa riproposizione del famoso libello del 1899 mi dilungo molto nella biografia; qui ricordo solo che per evitare guai Michele Pane cambiò alcune parole che gli erano valse una querela per diffamazione da parte di Leopoldo Perri.
In Viole e ortiche  L’ùominu russu presenta, oltre alle varianti nel testo di cui sopra, due aggiunte. La prima è il verso di Carducci, uno dei poeti preferiti di Michele Pane, «Muor Giove, e l’inno del poeta resta» scritto dopo il titolo e un tamburo militare che rappresenta il «tamburrinaru» Leopoldo Perri con evidente significato derisorio. Il verso di Carducci è tratto dalla poesia Dante appartenente alle Rime nuove e con ciò Pane vuole costruire un parallelo tra la vicenda politica di Dante e la sua, in cui le opere e la fama di entrambi sopravvivono ai potenti che li hanno avversati.

La seconda aggiunta è la dedica «Alla memoria del Poeta Pierantonio Marasco» che prende il posto di quella “A Nicolào della Montagna».

Dopo L’uominu russu ci sono due poesie, Alli liccapiàtti e I pisci grassi, seguite da una nuova composizione dal misterioso titolo di Azzarelleide (Vrogniàta in La maggiore) di cui tratto in un altro articolo.
Chiudono il volume due contributi di altri autori, chiamati “Commenti”. Si tratta di un articolo di Luigi Accattatis dal titolo “Il dialetto Calabrese nell’America” e uno di Luigi Costanzo “Cenni bibliografici” su Michele Pane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prima di inviare, compila correttamente il campo Capcha *